Il formaggio Tosella, quello buonissimo alla griglia

By : | 0 Commenti | On : ottobre 24, 2017 | Category : Prodotti

il formaggio tosella alla piastra
Se ti è piaciuto condividilo

Una delizia che arriva dai caseifici dell’alto vicentino: il formaggio tosella

Per la precisione il formaggio Tosella, o in dialetto veneto tosea o tosela, arriva direttamente dalla provincia nord di Vicenza. E’ tipicissimo dell’altopiano dei sette comuni, conosciuto anche come l’altopiano di Asiago ma si riesce a trovare nelle latterie di molti paesi della provincia veneta.

Quello che vedete in foto è il formaggio tosella passato alla piastra comprato nella latteria sociale di Torrebelvicino a pochi passi da Schio. Ogni volta che i parenti vengono a farci visita chiediamo esplicitamente qualche fetta di tosella che è buona se consumata freschissima. Quella in foto al momento dell’acquisto era ancora tiepida!

E’ un formaggio di malga, pregiato e va consumato entro i primi 2 o 3 giorni dalla lavorazione. Viene venduto a fette che possono essere tonde, come nel mio caso, oppure rettangolari. Storicamente rappresentava in montagna un modo comodo per soddisfare i bisogni di nutrimento dei malgari durante la settimana.

Come mangiare il formaggio tosella?

Ma alla piastra! Basteranno una padella calda e pochi secondi per formare una croccante e saporita crosta attorno alle fette di tosella. Volendo si può insaporire il velo di olio che mettete in padella con un rametto di rosmarino per esaltare ancora di più il sapore di questo formaggio.

Come accompagnamento ho pensato di utilizzare due verdure buone buone a foglia verde: le cime di rapa e il cavolo nero. Sbollentati prima e poi ripassati velocemente in padella con poco olio e uno spicchio di aglio. La semplicità!

Se passate dai comuni dell’Alto Vicentino ricordatevi di portare con voi una bella borsa frigo. Molte latterie mettono la tosella sotto vuoto per un trasporto decisamente più pratico.

 

Alessandro Gerbino

Alessandro Gerbino

Non uno chef ma un uomo che cucina!

Contattatemi per suggerimenti, nuove ricette, collaborazioni cliccando qui
Alessandro Gerbino

Se ti è piaciuto condividilo
Share This Post!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *