Piadina romagnola

  • Porzione: 6
  • Preparazione : 30 m
  • Cottura: 5 m
  • Pronto in : 35 m
Caricamento...
(5 / 5)

Storie di cibi schietti e felici. Dalla romagna sua maestà la piadina!

Lo streetfood romagnolo per eccellenza, regina delle estati roventi della riviera è la piadina romagnola. Un saporito scrigno di pasta che contiene gli ingredienti che ti piacciono di più.

Per molti la piadina è il cibo simbolo delle estati al mare in riviera. E’ una ricetta del nostro immenso patrimonio gastronomico italiano e dal 2014 si è guadagnata il marchio igp: indicazione geografica protetta. La si trova in tutti i chioschi e baracchini ambulanti e come vedremo più avanti si farcisce in modi sublimi e davvero invitanti. Essendo un cibo da strada è un alimento comodo perché quando la si ordina è pronta in pochissimi minuti e anche perché la si può consumare sia seduti sia camminando.

Niente paura! Preparare la piadina in casa è davvero molto semplice!

Pochi, pochissimi ingredienti

La piadina romagnola si fa con soli quattro ingredienti: farina 00, strutto, acqua e sale. Questi ingredienti lavorati assieme danno origine ad un’impasto liscio ed elastico che si stende facilmente con il mattarello. C’è chi preferisce sostituire lo strutto con burro o olio extravergine di oliva ma io amo attenermi alla ricetta originale perché lo strutto, da ricetta tradizionale di mora romagnola, conferisce alla piadina un sapore decisamente unico che con altri tipi di grassi difficilmente riuscireste ad eguagliare.

Parenti stretti della piadina sono i cassoni romagnoli: involucri di pasta (realizzata allo stesso modo e con gli stessi ingredienti di questa ricetta) ripieni di ingredienti che vengono cotti assieme alla pasta stessa. Al contrario la piadina viene cotta prima da sola e poi successivamente farcita.

I due diversi spessori della piadina romagnola

La piadina in Romagna si prepara in due modi che differiscono tra loro solamente per lo spessore. Da disciplinare, la classica piadina romagnola igp ha uno spessore che va dai 4 agli 8 mm e un diametro di 15-25 cm. Sulla riviera, nelle zone intorno a Rimini viene stesa in dischi molto sottili e di diametro più largo che va dai 22 ai 30 cm. Sono due scuole ben distinte e che portano con sé una forma di sano campanilismo molto radicato. La pasta e gli ingredienti che la compongono sono i medesimi quindi starà a voi scegliere se preparare una piadina sottile oppure no. Massima libertà!

Come farcirla

Con gli ingredienti che vi piacciono di più! Non ci sono limiti per imbottire una buona piadina ma i modi tradizionali ci sono e sono tutti super squisiti:

  • nelle zone interne un obbligo sono i formaggi e i salumi. Tra tutti vorrei ricordare l’abbinata perfetta con squacquerone, prosciutto crudo e rucola;
  • nelle zone costiere non potete non assaggiare la piadina con i sardoncini, l’insalata e la cipolla cruda.

Ricetta piadina romagnola, io la faccio così:

Dosi per 6 piadine

piadina romagnola, ricetta di alessandro gerbino

Ingredienti

Metodo di preparazione

L'impasto 

Versate su una spianatoia o sul vostro piano da lavoro la farina e ricavate un buco al centro dove verserete l'acqua tiepida, lo strutto e il sale. Impastate questi ingredienti per qualche minuto fino a quando otterrete una pasta liscia ed elastica.
Fate riposare la pasta coprendola con un foglio di pellicola per almeno 30 minuti a temperatura ambiente prima di poterla lavorare.

La porzionatura 

Una volta che l'impasto è riposato dividetelo in sei parti di uguale peso e formate con ogni pezzetto delle palline.

La stesura 

Stendete ogni pallina di pasta con il mattarello formando un disco dello spessore che più vi piace.

La cottura 

Mettete sul fuoco un testo oppure una padella antiaderente molto ampia e fatela scaldare molto bene.
Cuocete una piadina alla volta su entrambi i lati rompendo le bolle che si formeranno con una forchetta.
Quando preparo le piadine faccio una media cottura iniziale su entrambi i lati fermandomi quando vedo apparire le prime macchie marroncine. Subito dopo la tolgo dal fuoco, la farcisco con gli ingredienti che ho a disposizione e la rimetto in padella per una seconda cottura esterna, in questo modo se avrete usato dei formaggi di scioglieranno per bene!

Trucchi e consigli

  • Come conservare le piadine
    Le piadine si possono conservare in frigorifero per qualche giorno. Una volta cotte e raffreddate le chiudo in un sacchetto per alimenti ermetico e le ripongo in frigorifero. Al bisogno le tolgo, le farcisco e le riscaldo in padella su entrambi i lati.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

x

Lost Password

Iscriviti alla newsletter!

* indicates required