Gnocchi di patate

  • Preparazione : 0 m
  • Cottura: 0 m
  • Pronto in : 0 m
Caricamento...
(0 / 5)

gnocchi01 gnocchi02 gnocchi03

 

Come conservare gli gnocchi di patate?

IMG_5954Se vi capita di fare troppi gnocchi e non riuscite a mangiarli tutti subito non abbiate paura potete conservarli in freezer. Come fare è semplicissimo, vi basterà prendere un vassoio della grandezza che possa entrare nel vostro congelatore. Spolverate di farina il vassoio e disponete gli gnocchi uno a fianco dell’altro senza che si tocchino. Mettete il vassoio in frigorifero e attendete che gli gnocchi congelino. In questo modo grazie al freddo diventeranno duri e potete metterli nei sacchetti da freezer magari già porzionati in modo che quando vi servono tirate fuori solo un sacchetto.

In alternativa potete sempre congelarli e poi metterli sottovuoto come vedete in foto e poi riporli di nuovo in congelatore, dureranno di più!

Quando vorrete mangiarli mettete sul fuoco una pentola con abbondante acqua salata e poi quando bolle buttate gli gnocchi ancora congelati. Quando verranno a galla saranno pronti e potrete condirli come più vi piace.

Nella foto sigillatrice sottovuoto Foodsaver

Lista degli ingredienti

Preparazione

Step 1 

Per prima cosa lessate in acqua leggermente salata le patate con la buccia dopo averle passate sotto acqua corrente per togliere i residui terrosi (foto 1), quando cotte lasciatele intiepidire leggermente, pelatele e schiacciatele con lo schiaccia patate su una spianatoia (foto 2).

Step 2 

Ricavate una fontana al centro e aggiungete le uova e parte della farina e la noce moscata e con una forchetta cominciate a lavorare l'impasto. Aggiungete ancora farina poco alla volta e girate per bene utilizzando poi le mani, l'impasto deve rimanere morbido ma lavorabile (foto 3).

Step 3 

Prendete poi una parte di impasto e lavoratelo sulla spianatoia ricavando tanti vermetti (foto 4) che poi taglierete a misura per ottenere gli gnocchi. Passate ogni singolo gnocco o sui rebbi di una forchetta (foto 5) o su una grattugia, dipende dalle scuole di pensiero, per ottenere la classica forma che accoglierà poi al meglio il sugo.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

x

Lost Password